Voglia di tornare protagonisti: «Tocca a noi decidere il futuro»

su liberazione del 16/04/09

Alessandro Tettamanti

L’Aquila
Dopo nove giorni da quando il terremoto ha distrutto la città, ieri a L’Aquila ha preso vita dal nulla la prima assemblea cittadina. L’idea in realtà è partita da due ragazzi, Mattia e Sara e si è sparsa con ogni mezzo – passaparola, sms, web – attraverso quella che è L’Aquila ora, riconfigurata nei campi. Ci sono un centinaio di persone di età media tra i 25 e i 35 anni. Sono arrivate da vari accampamenti e anche da fuori città in questo parco chiamato “del sole” situato a fianco alla basilica di Collemaggio e non molto lontano da quella via XX Settembre che il giorno dopo il terremoto sembrava un teatro di guerra. Via XX Settembre, che come tutto il cuore della città ora è blindata, nascosta alla sua cittadinanza per motivi di sicurezza.

(altro…)

Annunci