BERLUSCONI IL RE, ENTRA AD ONNA DEVASTATA IL 25 APRILE

Liberazione 26 Aprile 2009

Onna off limit per le persone normali. In tenda senza tv La passerella di vip non scalda gli sfollati

Alessandro Tetamanti – L’Aquila – Due giorni fa all’ospedale di Avezzano è morto un anziano di Onna, Mario Papola, che era rimasto ferito nel crollo della sua abitazione dopo il terremoto che ha distrutto l’intero paese. A Mario Papola l’11 Giugno del 1944 i nazisti avevano ammazzato la sorella prima vittima della ferocia nazista. Cristina era colpevole di essersi ribellata ai tedeschi, che avevano rubato un cavallo alla sua famiglia. Per questo fu trascinata per i capelli attraverso le vie di Onna e trucidata. Con lei, per rappresaglia, morirono altre 16 persone bruciate vive in una casa pochi giorni prima la liberazione dell’Aquila.

(altro…)

Voglia di tornare protagonisti: «Tocca a noi decidere il futuro»

su liberazione del 16/04/09

Alessandro Tettamanti

L’Aquila
Dopo nove giorni da quando il terremoto ha distrutto la città, ieri a L’Aquila ha preso vita dal nulla la prima assemblea cittadina. L’idea in realtà è partita da due ragazzi, Mattia e Sara e si è sparsa con ogni mezzo – passaparola, sms, web – attraverso quella che è L’Aquila ora, riconfigurata nei campi. Ci sono un centinaio di persone di età media tra i 25 e i 35 anni. Sono arrivate da vari accampamenti e anche da fuori città in questo parco chiamato “del sole” situato a fianco alla basilica di Collemaggio e non molto lontano da quella via XX Settembre che il giorno dopo il terremoto sembrava un teatro di guerra. Via XX Settembre, che come tutto il cuore della città ora è blindata, nascosta alla sua cittadinanza per motivi di sicurezza.

(altro…)