Cronaca di L’Aquila – Teramo rinviata per neve dopo 25minuti circa di gioco

Nzomma j’arbitru prima fischiette l’inizio e pò la renviò, la partita, che nevichea troppo.

Ha fatto uscì pure quiji a refà le linee deju campo co la zappa e, a nu certo punto, n’campo se vista pure na carriola piena de non ze sa esattamente chè.

Ma a quiju punto loco a ittu basta: alle case! non se joca! ma pure se la gente se stea a jelà nn ze la passea malissimo.

Quaccheduno dicea angora: “spè spè che mo se joca…a mezzanotte, l’hanno ittu su raidù”

N’tantu co ji quattro riflettori deju stadio…n’gulo quanta neve. Dice che alla curva deji truscianti, sta ote, non se vedea nu cazzo.

“come on eagle come on eagle come on eagle come on come on eagle come on eagle come on eagle come on”

Però dopo che fischiette la fine ha smissu veramente: dieci minuti, nu quarto d’ora dopo n’zomma; e se missu pure a fa chiù callo che s’è squajato tuttu

e le strade so diventate fraciche d’acqua e se so misse a riflette le luci de sa città mai morta che coju destino ci scherza a faccia a faccia

che tanto lo sa come funziona: so mura, so storia è ogni vota si cade e si rialza e poi ricade e pò magari rimbalza come ju pallò

e sopre le strade bagnate de luce na coppietta vicino lo stadio comminea senza chiù manco l’ombrello

che dopo ju grande friddu se sgela pure un pò ju core. Saranno pure le luci stonate che sto periodo stanno appicciate pe natale

ma quannu se calma la strina e se schiara, tutti semo chiu boni e più vivi e, pe nu momento solo, uniti.

Che disarmonia che disaffeziò! Po na sera aju stadio n’curva appressu ju pallò, so riviste na freca de facce mbacuccate senza timore

e me sembra d’avé rivistu nu pezzo de città disperso chissà dove. Speremo che s’Aquila acciaccata se repija almeno na promozione

…in prima divisione.

“come on eagle come on eagle come on eagle come on come on eagle come on eagle come on eagle come on”

10/12/12