Della trasformazione, la montagna e sé stessi.

Oi, come tante atre ote, ju vento tirea troppo forte a campo imperatore, ché n’anzi lo sapemo che ci sta ju mare. E n’fatti j’impianti aveano appena chiuso.

La neve se rizzea pocu pocu ma a mille all’ora, e se buttea chissà dò, lontano, su atra neve.
Ji, Riccardo e Sara allora, ci semo buttati a picco pé ju scontrò, uno deji pezzi iniziali della calata deji valloni che te porta da n’cima alla base della funivia.
Dentro ji canali ju vento s’è azzittito e la neve addolcita nu poco. In silenzio semo scivolati sempre chiù giù, n’ghiuttiti da sa montagna enorme come la bellezza sé, che te fa venì da chiedette: “come ha fattu a uscì cuscì?” …co ste morge n’pizzo che stanno loco da sempre.
Che ne sa’ chi non se mai fatti ji vallò o valle fredda de che è ju gran sasso e ju carattere sé? Certo non è solo j’impianti che stanno da na frega-e-parti e alla fine giri come nu topo sulla ruota. E’ n’atra cosa.
E’ la rischiosa avventura di scivolà libero #conlatavolaaipiedi dentro le gole selvagge, sulle lingue di neve del gigante, coi massi immensi tutti n’torno e tu che piccolo e solo con rispetto e riverenza passi, tutt’uno co quella maestosa natura selvaggia.
E più calavamo più n’cominzea a fa callo, tanto che se sopra era tormenta de’nvernu pieno, sotto facea capolino nu sole che lete: era diventata primavera.
E chiù calavo chiù me sembrea de returnà n’dietro co j’ anni a quannu era quatranittu co quattro ciurri rusci nanzi j’occhi e ju core leggero.

…Non se tratta de scià ma de capì chi scì
Na possibilità che tenessero tené tutti

28/12/12

*sul dialetto aquilano: chiunque volesse segnalare correzioni, altre parole da usare e quant’altro a riguardo è pregato di farlo. Il mio è solo un modesto e bizzarro tentativo di utilizzare tra molte incertezze la lingua viva (ibrida e urbanizzata) di cui mi innamorai ormai tanto tempo fa e che continuo a parlare.

Annunci